logo

Benvenuti in Arymo

Uno spazio dedicato in cui sapere di potersi fermare, sentirsi accolti, accuditi. Un ambiente privo di aspettative o giudizi. Uno spazio in cui lasciar sedimentare, recuperare sé stessi, i propri ritmi e riprendere una relazione serena con il proprio corpo.
Ti aspettiamo, vieni a prendere una tisana...
Paola: 349 7749364
Top
Arymo / Self-Care  / Biodinamica Craniosacrale

Biodinamica Craniosacrale

L’ascolto del nostro respiro profondo

Esseri umani, piante o polvere cosmica: tutti danziamo su una melodia misteriosa intonata nello spazio da un musicista invisibile
[Albert Einstein]

La Biodinamica Craniosacrale è un approccio delicato e profondo all’altro. Le mie mani, in quanto operatore – in contatto rispettoso con il corpo della persona stesa sul lettino – si mettono in ascolto di ritmi profondi e involontari, più ampi della respirazione diaframmatica. 

W. Sutherland, osteopata americano vissuto tra la fine dell’Ottocento e la prima metà del Novecento, è considerato il fondatore della Biodinamica Craniosacrale, poiché è stato il primo a sintonizzarsi con un ritmo che aveva la qualità di un respiro, dapprima a livello delle ossa del cranio e poi di tutti i tessuti e le strutture del corpo. Il 27 marzo, in occasione dell’ anniversario della sua nascita, l’ACSI (Associazione Craniosacrale Italia) di cui sono socia, promuove la diffusione del suo messaggio innovativo attraverso una settimana di pratiche low-cost.

Secondo la prospettiva biodinamica che, dal tempo di Sutherland si è arricchita della ricerca di tanti scienziati e specialisti così come della saggezza delle tradizioni millenarie orientali, ogni singola parte del nostro corpo respira, partecipe di un Respiro che connette tutti gli organismi viventi: il Respiro della Vita. Siamo nell’ambito del Sacro, dell’Uno, di quello che con una metafora, tratta da Einstein, possiamo chiamare il ‘Musicista Invisibile’ e da cui viene la Forza che ci anima e ci fa muovere e ‘danzare’: agire, prendere decisioni, entrare in relazione con gli altri esseri viventi e con tutto ciò che accade nel nostro quotidiano. 

 In una sessione di Biodinamica non possiamo certo entrare in contatto con il Respiro della Vita , con il Musicista Invisibile! Ma con dei Ritmi molto ampi e profondi che dal Respiro della Vita provengono … sì! E sono Ritmi che possono essere percepiti come un grande rilassamento e che aprono a livelli profondi di coscienza. La Biodinamica li chiama ‘Maree’ perché viaggiano e si manifestano attraverso i fluidi del nostro corpo. Sono espressione delle forze che organizzano la nostra vita sin dal concepimento, ne supportano la crescita e lo sviluppo a partire dallo stadio embrionale e continuano per tutta la vita a sostenere i nostri processi fisiologici regolando e rigenerando ogni funzione ad ogni livello. 

Per tornare alla metafora della musica e della danza, la nostra vita è proprio una ‘danza’ tra le forze orientate al benessere e all’apertura e le forze degli eventi che ci condizionano e ci limitano più o meno nella nostra piena espressione. E comunque, nella maggior parte dei casi, sentiamo che possiamo farcela, che siamo ancora ‘interi’. Ci sono tuttavia, anche periodi in cui lo stress raggiunge un livello molto alto per noi o accadono degli eventi che hanno su di noi un forte impatto e che si faranno sentire come restrizioni, contrazioni, senso di frammentazione a vari livelli.

In una sessione di Biodinamica Craniosacrale, come operatore, io mi connetto con la mia linea mediana, con il mio asse centrale che va dal cranio al sacro, con l’asse centrale della persona stesa sul lettino e con un campo ampio di consapevolezza in cui sarò testimone, ‘in puro ascolto’ di un processo di riorganizzazione profonda che avviene nell’intero sistema dell’altro.

Saranno le “forze della salute” sempre presenti in noi, a lasciare andare quel che è possibile lasciare andare in quel momento, salvaguardando sempre l’integrità della persona in uno spazio di Quiete condiviso con l’operatore.

Delle emozioni potranno emergere, dei ricordi o dei dolori fisici antichi riaffacciarsi e sciogliersi Non c’è niente che ci si debba aspettare in ogni caso! Curiosità e fiducia saranno le nostre alleate! Come testimone, supporterò la consapevolezza di quello che accade con una comunicazione verbale essenziale.